Cagliari, due punti persi o uno guadagnato?

Un pareggio che accontenta tutti (o quasi)

pubblicato il 14/05/2021 in Sotto la lente da Davide Zedda
Condividi su:
Davide Zedda
2021

Dopo 14 punti nelle ultime 6 gare, è arrivato anche per i ragazzi di Semplici un fisiologico calo di tensione.

Se da una parte resta l'amaro in bocca per una vittoria non acciuffata, dall'altra, va dato atto, che il dispendio mentale degli ultimi due mesi, prima o poi, lo si sarebbe dovuto pagare.

Il conto (seppur indolore) è arrivato contro la Fiorentina, dove un Cagliari spuntato in avanti non ha saputo, o avuto la forza, di buttare la palla dentro e portarsi in vantaggio.

Poche occasioni, scarsa precisione sotto porta, zero voglia di farsi troppo male e tanto rispetto tra le due squadre. Questa, in sintesi, l'ultima uscita alla Sardegna Arena.

Si poteva fare di più? La si doveva vincere ad ogni costo?

Forse. Ma al triplice fischio, se la sensazione di un'incompiuta resta, a inizio gara la paghi e te la porti sul campo - la tensione - e gli effetti si vedono tutti. Tanto nelle giocate, quanto nei visi, nelle gambe o in qualche errore di troppo, che deve e va perdonato. Siamo ancora umani.

Specialmente se, come il Cagliari, arrivi da 6 turni di “scalata no stop” e ti guadagni il lusso di poter capire quando, se rallentare, e se serve farlo. Sapendo che andando a tavoletta (certe volte) il costo pesa più del beneficio. Si chiama gestione della gara, e ci vuole esperienza.

La stessa, che porta in dote quel punticino tanto piccolo quanto caro che, per chi sta dietro (chiedere a Spezia e Torino), in tanti casi, fa la differenza tra la serie A e la retrocessione.

Un risultato dunque, che posticipa la sicurezza matematica (due mesi fa una chimera) ma regala una situazione a Semplici di relativa “calma apparente”.

Un calo di tensione dunque, se da una parte è concesso, dall'altra va riconosciuto e - se avviene - letto e gestito in modo saggio e attento,  così come contro la Fiorentina è avvenuto.

Il resto, come in ogni salvezza, è roba per stomaci forti e avvezzi al sacrificio. Ma tutto e subito farebbe godere solo a metà.

Matematica compresa.